DISLESSIA

Si tratta di un disturbo caratterizzato da un livello di capacità di leggere che risulta inferiore a quello che ci si attenderebbe in relazione all’età, al grado di istruzione ed al livello di intelligenza del bambino. Queste difficoltà interferiscono in modo significativo con l’apprendimento scolastico e con le attività della vita quotidiana in cui è necessario adoperare l’abilità della lettura.

La dislessia è di solito evidente intorno ai 7 anni, ( seconda elementare), anche se un personale esperto può insospettirsi fin dal primo anno di scuola durante l’insegnamento dell’abilità di lettura. Spesso può accadere che nelle prime due classi elementari il bambino riesca a compensare il disturbo mediante l’uso della memoria e dell’intuizione, in particolar modo quando esso è associato ad elevati livelli di intelligenza, ma se riconosciuto immediatamente, è possibile suggerire al bambino strategie immediatamente efficaci ed “economiche” in termini di facilità di apprendimento.Dislessia

I bambini con questo disturbo generalmente fanno molti errori quando leggono ad alta voce, errori che sono caratterizzati da omissioni, aggiunte e distorsioni delle parole e che sono dovuti alla difficoltà di distinguere i caratteri e le dimensioni delle lettere stampate, soprattutto tra quelle più simili. Anche la velocità nella lettura appare rallentata e spesso è accompagnata da una scarsa comprensione di quanto letto. La lettura può avvenire iniziando a leggere una parola a metà o alla fine di una frase o invertendo le lettere da leggere a causa di una scarsa capacità di seguire lo schema di lettura da sinistra verso destra.

Un’interessante prospettiva da cui guardare al disturbo della lettura, come agli altri disturbi dell’apprendimento, è quello che viene definito “approccio modulare”. Ovvero, l’abilità di lettura può essere considerata come costituita da molteplici competenze, ciascuna delle quali può essere più o meno sviluppata; la dislessia può essere quindi caratterizzata da una difficoltà nell’utilizzo di una o più di tali competenze, quali:

la componente logografica, ossia la capacità di differenziare visivamente i segni grafici, che consiste nel riconoscere visivamente le singole lettere dell’alfabeto o segni grafici o grafemi;

la componente alfabetica, cioè l’abilità di fusione fonemica ovvero la capacità di mantenere nella memoria una serie di fonemi per fonderli e ricavare da ciò una parola;

la componente ortografica, che è costituita dalla capacità di corrispondenza grafemi-fonemi, ossia l’abilità di assegnare a ciascun grafema (segno) il fonema (suono) corrispondente;

la componente lessicale, cioè la capacità di elaborare informazioni linguistiche complesse, come, ad esempio, l’abilità di decodificare le parole, comprenderle e utilizzare la sintassi in modo corretto e veloce.

Non tutti bambini che presentano difficoltà nell’apprendimento della capacità a leggere sono affetti da dislessia, si possono infatti presentare diverse difficoltà specifiche legate ad altre caratteristiche sia del bambino, che della scuola. Talvolta vengono considerati dislessici, bambini chiamati a leggere alla lavagna, con un disturbo nella vista, ancora sconosciuto alla famiglia e, le reazioni degli insegnati e dei compagni possono contribuire a manifestazioni ansiose secondarie che compromettono le successive performance.

Al fine di operare una corretta diagnosi le specifiche capacità di lettura vengono misurate con test standardizzati somministrati da esperti del settore, in particolare Logopedisti, Educatori Professionali ed anche Psicologi che abbiano conseguito approfondimenti specifici nel corso degli studi.

Inoltre specifiche difficoltà nella lettura si osservano come conseguenze o sintomi accessori di altri disturbi concomitanti, quali il ritardo mentale, il disturbo generalizzato dello sviluppo od i disturbi della comunicazione. Anche nel disturbo da deficit dell’attenzione ed iperattività, nel disturbo della condotta e nei disturbi depressivi è possibile constatare una cattiva abilità nella lettura che non necessariamente si configura in un disturbo specifico della lettura.

Le cause del disturbo non sono tuttora chiare e diverse sono le ipotesi etiologiche formulate, anche se molti sembrano concordi nell’evidenziare una certa familiarità; altre si basano su asimmetrie di regioni cerebrali, o sulla distribuzione di funzione nei due emisferi mettendo in relazione il disturbo con il mancinismo; ancora lesioni o problemi pre e peri-natali sembrano implicati nella genesi della dislessia.

Il disturbo può determinare un’ansia prestazionale, vergogna e frustrazione, soprattutto quando non viene riconosciuto come tale sia in ambito scolastico che a casa. Queste emozioni tendono a divenire più intense se la condizione di misconoscimento persiste e nei bambini più grandi possono tramutarsi in intensa rabbia e depressione. Il disturbo crea rilevanti compromissioni nell’apprendimento scolastico e nella vita sociale; anche il senso del proprio valore personale risente di queste difficoltà, tanto che l’autostima di questi bambini può abbassarsi notevolmente.

 

Torna a PSICOLOGIA INFANTILE

INSONNIA DEL BAMBINO (DISSONNIA)

RITARDO MENTALE

BULLISMO

You may also like...